Le trasgressioni dell'Estremo CentroPolitiques de l’extrême centre (Lux Éditeur, 2016), è il nuovo e brevissimo saggio di Alain Deneault, filosofo canadese e docente di Scienze Politiche all’Université de Montréal, già autore di Gouvernance: le management totalitaire (Lux Éditeur, 2013) e del più recente La médiocratie (Lux Éditeur, 2015), ora riuniti in uno stesso volume, sempre a cura della medesima casa editrice.

Ed è proprio attraverso lo strategico concetto di Estremo Centro che il Capitale cerca definitivamente di spazzare via una buona volta per tutte quella per lui sin troppo problematica dialettica Destra-Sinistra. Colui infatti che si collocherà all’Estremo Centro potrà godere dell’innegabile privilegio di potersi definire in primis come entità razionale e pragmatica e perciò felicemente al di là sopra di ogni contingenza. Vestendo così questo trasgressivo (dal latino trans-gredire, che va al di là) abito, la politica, sia essa di destra o di sinistra, potrà facilmente realizzare l’unico programma oggi possibile : quello del Capitale. Una serie di misure economiche in realtà estreme ed inique, che si troveranno ad apparire come assolutamente necessarie, inevitabili, ragionevoli. Di fronte alle quali sarà generosamente concesso di indignarsi, purché non venga a scatenarsi alcuna effettiva reazione da parte del popolo, costretto a consumarsi solo in un infinito e castrante Spettacolo delle emozioni.

Se desiderate approfondire e conoscere da vicino l’illuminante pensiero di Alain Deneault:

 • Politiques de l’extrême centre, Lux Éditeur, 2016

 • La médiocratie : Précédé de Politique de l’extrême centre et suivi de “Gouvernance”. Le management totalitaire, Lux, 2016

• Faire l’économie de la haine – Douze essais pour une pensée critique, Les Editions Ecosociété, 2012

• Paradis fiscaux et souveraineté criminelle, La Fabrique Editions, 2010