Barone Bipolare

Gli eterni schiavi di Manderlay

Leggi

Stati Uniti. Anni Trenta. Grace, figlia ribelle di un gangster, è in viaggio con suo padre. Durante il tragitto si imbatte per caso in Manderlay, sperduto agglomerato nel quale ancora vige incredibilmente il regime della schiavitù. La giovane donna, animata dai più alti ideali progressisti e ben convinta che solo un regime democratico possa rappresentare il migliore degli universi possibili, decide di imporne in loco usanze e Gli eterni schiavi di Manderlaycostumi, non disdegnando a tale scopo l’utilizzo massiccio della forza. Il suo disegno si rivelerà assolutamente nefasto, divenendo impresa pressoché impossibile quella di riuscire ad incidere sulla forma mentis di una popolazione da troppo tempo oppressa e per questo fortemente disumanizzata. 

Lars Von Trier, in questa sua crepuscolare fiaba, ci induce a riflettere su come la democrazia, attraverso la corruzione di esseri umani poco inclini alla libertà, possa inaspettatamente tramutarsi in tirannia. Siamo davvero così sicuri che la massima fra le nostre aspirazioni sia quella di essere dei liberi cittadini? Non siamo forse invece più naturalmente inclini ad una rassicurante sottomissione, noi eterni e fragili bambini svuotati di ogni tipo di coscienza, facilmente impressionabili e genuflessi di fronte all’ideologia politica corretta del Progresso Spettacolare?

Registi del nulla

Leggi

Non ci resta che andare a frugare di nascosto nella variopinta dispensa del Capitale, per ritrovare in saldo qualche copia sbiadita delle nostre emozioni. Per Lui, senza alcuna esitazione, abbiamo rinunciato ai nostri veri sogni, rinnegato il nostro intelligere, tramutandoci in bestie insofferenti verso gli altri animali da circo. A Lui, non paghi di tutto ciò, abbiamo deciso persino di regalare il nostro sistema nervoso, urinando sui nostri diritti. Ma che cosa ci interessa allora? Da eccelsi registi del nulla, solo rappresentare una Vita, che purtroppo, oramai, da tempo immemore non è più là.

Ainsi donc, puisque tout être pourvu de sentiment sent le malheur de la sujétion et court après la liberté ; puisque les bêtes, même faites au service de l’homme, ne peuvent s’y soumettre qu’après avoir protesté d’un désir contraire, quelle malchance a pu dénaturer l’homme — seul vraiment né pour vivre libre — au point de lui faire perdre la souvenance de son premier état et le désir de le reprendre? ● É. De La Boétie

Ed Van der Elsken o della Vita urgente

Leggi
Ed Van Der Elsken o della Vita urgente

Ed VAN DER ELSKEN, Territoires des yakusas, Kamagasaki, Osaka, 1960.

Je me réjouis de la vie, je ne suis pas compliqué, je me réjouis de tout. L’amour, le courage, la  beauté. Mais aussi le sang, la sueur et les larmes. Garde les yeux ouverts. È senza dubbio un’opera consacrata all’urgenza di vita, quella di Ed Van Der Elsken. Un avvincente processo esistenziale dove, in una sorta di autenticità indotta, la trascendenza del quotidiano esalta l’Umano, annientando ogni tipo di convenzione sociale. 

Ed Van Der Elsken o della Vita urgente

Ed VAN DER ELSKEN, Jumelles sur la place Nieuvmarkt, Amsterdam, 1956.

Con La Vie Folle (fino al 24 Settembre 2017 presso il Jeu de Paume, all’1 di Place de la Concorde), l’Altro si tramuta in necessario ed iconico antieroe nel cui corpo esitante vorremmo annullarci per sempre, dimenticando quell’oggi sbiadito e non certo ricolmo di empatia ed illusioni. E così, mentre divampa l’incendio di una provocata verità, la passione si cristallizza, dipingendosi in un accecante affresco dark-generazionale.

Un’Altra Vita è sempre possibile, per tutti noi, indomiti soldatini dell’auto-rappresentazione, e forse la più grande follia abiterà proprio in quel lusso esagerato di sé, ai margini da troppo tempo.

Il catalogo della mostra