Barone Bipolare

Gli eterni schiavi di Manderlay

Leggi

Stati Uniti. Anni Trenta. Grace, figlia ribelle di un gangster, è in viaggio con suo padre. Durante il tragitto si imbatte per caso in Manderlay, sperduto agglomerato nel quale ancora vige incredibilmente il regime della schiavitù. La giovane donna, animata dai più alti ideali progressisti e ben convinta che solo un regime democratico possa rappresentare il migliore degli universi possibili, decide di imporne in loco usanze e Gli eterni schiavi di Manderlaycostumi, non disdegnando a tale scopo l’utilizzo massiccio della forza. Il suo disegno si rivelerà assolutamente nefasto, divenendo impresa pressoché impossibile quella di riuscire ad incidere sulla forma mentis di una popolazione da troppo tempo oppressa e per questo fortemente disumanizzata. 

Lars Von Trier, in questa sua crepuscolare fiaba, ci induce a riflettere su come la democrazia, attraverso la corruzione di esseri umani poco inclini alla libertà, possa inaspettatamente tramutarsi in tirannia. Siamo davvero così sicuri che la massima fra le nostre aspirazioni sia quella di essere dei liberi cittadini? Non siamo forse invece più naturalmente inclini ad una rassicurante sottomissione, noi eterni e fragili bambini svuotati di ogni tipo di coscienza, facilmente impressionabili e genuflessi di fronte all’ideologia politica corretta del Progresso Spettacolare?

Le trasgressioni dell’Estremo Centro

Leggi

La trasgressione dell'Estremo CentroPolitiques de l’extrême centre (Lux Éditeur, 2016), è il nuovo e brevissimo saggio di Alain Deneault, filosofo canadese e docente di Scienze Politiche all’Université de Montréal, già autore di Gouvernance: le management totalitaire (Lux Éditeur, 2013) e del più recente La médiocratie (Lux Éditeur, 2015), ora riuniti in uno stesso volume, sempre a cura della medesima casa editrice.

Ed è proprio attraverso lo strategico concetto di Estremo Centro che il Capitale cerca definitivamente di spazzare via una buona volta per tutte quella per lui sin troppo problematica dialettica Destra-Sinistra. Colui infatti che si collocherà all’Estremo Centro potrà godere dell’innegabile privilegio di potersi definire in primis come entità razionale e pragmatica e perciò felicemente al di là sopra di ogni contingenza. Vestendo così questo trasgressivo (dal latino trans-gredire, che va al di là) abito, la politica, sia essa di destra o di sinistra, potrà facilmente realizzare l’unico programma oggi possibile : quello del Capitale. Una serie di misure economiche in realtà estreme ed inique, che si troveranno ad apparire come assolutamente necessarie, inevitabili, ragionevoli. Di fronte alle quali sarà generosamente concesso di indignarsi, purché non venga a scatenarsi alcuna effettiva reazione da parte del popolo, costretto a consumarsi solo in un infinito e castrante Spettacolo delle emozioni.

Se desiderate approfondire e conoscere da vicino l’illuminante pensiero di Alain Deneault:

 • Politiques de l’extrême centre, Lux Éditeur, 2016

 • La médiocratie : Précédé de Politique de l’extrême centre et suivi de “Gouvernance”. Le management totalitaire, Lux, 2016

• Faire l’économie de la haine – Douze essais pour une pensée critique, Les Editions Ecosociété, 2012

• Paradis fiscaux et souveraineté criminelle, La Fabrique Editions, 2010

The Color Line o la dolce inciviltà

Leggi
ROBERT DUNCANSON Uncle Tom and Little Eva , 1863

Robert DUNCANSON, Uncle Tom and Little Eva , 1863

L’espressione fu coniata nel 1881 dal leader nero Frederick Douglass, in un articolo scritto per The North American Review. The Color Line (fino al 15 Gennaio 2017 presso il Musée du Quai Branlyal 37 del Quai Branly) ci racconta proprio di quell’immaginaria e rigida frontiera che ancora oggi negli Stati Uniti separa i bianchi dagli africans-americans, nonostante la formale uguaglianza, legalmente sancita nel 1964 attraverso il Civil Rights ActUna segregazione razziale dalle mille sembianze, che dal 1865, anno in cui fu abolita la schiavitù, si propaga ininterrottamente sino ai giorni nostri e durante la quale viene a manifestarsi un’arte vissuta soprattutto in quanto atto di pura resistenza politica, all’interno di un Paese fondato sulla discriminazione. Impossibile a tale riguardo non restare profondamente incantati di fronte alla lucida e forte provocazione di Edmonia Lewis, che nel 1867, per la sua scultura Forever Free, mostrandoci una coppia di schiavi neri intenti a liberarsi delle proprie catene, decide di utilizzare come materiale del marmo bianco, fino ad allora esclusivamente impiegato per esaltare la bellezza degli dei.

Hank Willis Thomas, Amandla, 2013

Hank WIILLIS THOMAS, Amandla, 2013

Southern trees bear a strange fruit, blood on the leaves and blood at the root, Black bodies swinging in the southern breeze, strange fruit hanging from the poplar trees. Non esistono forse parole più adatte di quelle di Billie Holiday nella sua struggente Strange Fruit (canzone che dà anche il nome ad un apposita sezione della mostra), per illuminarci una volta in più sul recente grado di inciviltà di una nazione che, fino ai primi anni 80′ ha acconsentito alla selvaggia pratica dei cosiddetti lynchings, quei crimini pubblici impuniti ed eseguiti senza alcun ritegno da folle assatanate di violenza, in una sorta di orribile auto-giustizia popolare.

• Il catalogo della mostra